Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /home/qbgmfavg/public_html/library/Zend/Form.php on line 1173

Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in /home/qbgmfavg/public_html/library/Zend/Form.php on line 1690
Hera - Un viaggio nella storia d'Abruzzo

Il Turismo sostenibile di Hera

II progetto HERA nasce dal Programma di Cooperazione Adriatico con l'intento di contribuire alla creazione di una più ampia piattaforma transfrontaliera con i partner di Croazia, Albania, Bosnia e Grecia, per la gestione e la promozione del turismo sostenibile. Tra le finalità c'è anche quella di attuare nuovi modelli per la riduzione della stagionalità del turismo attraverso la promozione del patrimonio paesaggistico e culturale dei diversi territori.

Itinerari

L’Abruzzo interno è ricco di straordinarie testimonianze storico/culturali, immerse in uno scenario paesaggistico tra i più suggestivi dell’Appennino. Il progetto Hera coinvolge quest’area d’Abruzzo con 5 itinerari , interessando ben 40 comuni, con 263 siti di interesse storico/culturale, distribuiti in oltre 330 km. L'itinerario principale, ad anello, abbraccia parte della valle Peligna, dell’Aterno e del Tirino, note per il loro patrimonio archeologico e monumentale. Gli altri 4 itinerari toccano L’Aquila e l’area amiternina, il Gran Sasso con i borghi storici, la Valle Peligna con Sulmona e paesi limitrofi e la Valle del Sagittario fino a Scanno. l percorsi consentono di toccare molteplici centri urbani di età romana e alcune delle necropoli protostoriche più ricche della regione: i "Morroni" di Corfinio e le necropoli di Fossa, Bazzano e Capestrano, da cui proviene il più famoso simbolo dell’Abruzzo antico: “Il Guerriero di Capestrano”. Tra i più caratteristici luoghi di fede della nostra regione ci sono gli Eremi di S. Terenziano a Corfinio, di S.Onofrio al Morrone a Sulmona, di S.Venanzio a Raiano, di S. Domenico a Villalago e di S.Egidio a Scanno. Ma è probabilmente nelle testimonianze medievali che gli itinerari esprimono al meglio le proprie potenzialità con chiese, borghi, castelli, palazzi e fontane di particolare bellezza, mentre la monumentalità dell’architettura romanica abruzzese è testimoniata dalle chiese di S. Pelino a Corfinio, di S. Pietro ad Oratorium e di S. Maria della Valle a Scanno. Sono altrettanto note in Abruzzo interessantissime catacombe cristiane, come quelle di Castelvecchio Subequo, di S. Lorenzo di Beffi e di San Vittorino ad Amiternum.

Natura

Punto di forza del nostro viaggio è, inoltre, il patrimonio naturalistico-ambientale, un’inesauribile fonte di biodiversità. Parte degli itinerari ricadono, infatti, nei territori del Parco Regionale Sirente-Velino e in quelli dei Parchi Nazionali del Gran Sasso e della Majella, toccando alcuni dei luoghi più suggestivi d’Abruzzo come le Gole di San Venanzio, le grotte di Stiffe, l’altopiano di Navelli, la piana di Campo Imperatore e la Valle del fiume Tirino. Altri luoghi d’interesse sono le Riserve Naturali di Popoli con le famose Sorgenti del Pescara, delle Gole di San Venanzio a Raiano, del Monte Genzana a Pettorano e quelle altrettanto sorprendenti delle Gole del Sagittario e del Lago di San Domenico nella Valle del Sagittario.

Enogastronomia

Altro elemento caratterizzante di quest’area d’Abruzzo è l’enogastronomia e, in particolare, quei prodotti tipici che nascono da una vocazione agropastorale, come i formaggi della zona del Gran Sasso. Tra le tradizionali produzioni agricole spiccano lo zafferano e i ceci nella Piana di Navelli, l’aglio rosso di Prezza e Sulmona, il tartufo e le castagne della valle Subequana, la lenticchia, i fagioli “poverelli”, la cicerchia, la patata turchesa, il farro, il grano solina e il mais per polenta. Tra i prodotti a base di carne, troviamo inoltre la micischia, a base di pecora o capra, e vari insaccati; mentre a Sulmona, tra le lavorazioni artigianali, spiccano i confetti e i torroni. I piatti tipici della tradizione utilizzano i prodotti della terra e di allevamento locale come l’agnello, il maiale, la trota, il gambero d’acqua dolce; in più segnaliamo una variegata produzione di pane, pasta fatta in casa e dolci della tradizione. Non mancano pregevoli vini locali, come il rosso Montepulciano d'Abruzzo, il rosato Cerasuolo, il bianco Trebbiano e il Pecorino.

Contatti

Compila il form sottostante per avere maggiori informazioni.
  • Regione Abruzzo, Giunta Regionale
    Dipartimento della Presidenza e Rapporti con l'Europa
    Via L.Da Vinci, 6 - L'Aquila
  • info@unviaggionellastoriadabruzzo.it
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Ok, acconsento